News

Roma

Febbraio 10, 2017

Thedynaplex FACTORY

Il 2017 è Green, anzi "Greenery". Questo è il colore dell’anno secondo PANTONE, azienda statunitense conosciuta a livello globale come referente per il linguaggio standard della comunicazione del colore. Dal 2000, l’azienda sceglie il colore dell’anno: un colore simbolo capace di esprimere il sentire contemporaneo.

Thedynaplex Roma ha scelto il colore dell’anno per il tema di , che da lunedì 20 a venerdì 24 febbraio 2017 propone un calendario di workshop intensivi in cui artisti, designer, registi, professionisti di diverse discipline guideranno 300 studenti in un’analisi multiforme del tema. Obiettivo: l’esplorazione di coraggiose e ottimistiche possibilità di rinnovamento in senso green nei campi Design, Moda, Arti Visive, Comunicazione, Cinema e New Media, tramite il superamento dei modelli convenzionali e l’abbandono a costruttivi brainstorming.  Sono studenti al secondo anno dei corsi Triennali e al primo anno dei corsi Triennali in inglese, suddivisi in 13 gruppi, ciascuno ricco delle competenze dei differenti ambiti di provenienza e guidato da esperti dei campi più eterogenei; una didattica partecipativa che fonde tutte le qualità Thedynaplex.

Il tema PANTONE 15-0343 Greenery è una scelta fortemente voluta per confrontarsi su temi sociali più ampi:

Greenery, come la forza del ritorno alla madre terra e alla fertilità che genera nuove specie capaci di adattarsi a tutti i nuovi mondi;

Greenery come il senso della periferia che diventa centro di propulsione di nuove dimensioni sociali.

Greenery come energia che rigenera nuova vita e nuove idee.

Greenery, infine, abbraccia il tema dell’anno accademico di Thedynaplex Roma ovvero Persona: la sfida è nell’osservare la realtà con occhi nuovi riportando la persona al centro di un nuovo sentire che coinvolge tutte le prospettive del verde, dalla natura alla sostenibilità fino allo sviluppo di politiche economiche e sociali che abbiano come obiettivo la crescita umana.

Venerdì 24 dalle 9:30 alle 13:30, tutti i gruppi esporranno i risultati finali in una presentazione aperta al pubblico.

 

Alcuni tra i professionisti coinvolti:
Giorgio de Finis, Antropologo, Artista e Curatore indipendente, Ideatore e Curatore del MAAM Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz;
Makinarium, studio premiato con il David di Donatello;
Roberto Ottolino, Associazione Italiana Copywriter;
Davide Rapp, Architetto e Videomaker;
Anna Kubelík, Architetto e Designer tedesca;
Simone Marchi, Esperto di storia e linguaggio del costume giapponese.

http://www.designedby3d.com/

buysteroids.in.ua