News

Milano

Novembre 3, 2015

Oggi parliamo con Simonetta de Brumatti, docente al Master in Social media and digital PR!

Simonetta de Brumatti – Inizia nel 1994 come sceneggiatrice per un videogioco 3D interattivo per la TV. Prima del boom di Internet continua a sperimentare ‘nuove tecnologie’ realizzando CD – ROM per videogiochi, cataloghi ed enciclopedie.  Dal 1997 si occupa di progettazione della comunicazione branding e corporate sul web e di campagne di digital advertising. Dal 2005 assume la Direzione Creativa di DMC – Gruppo Fullsix, ricevendo importanti riconoscimenti italiani e internazionali. Seguendo l’evoluzione del mercato, attualmente si occupa di digital customer experience su smartphone, tablet e computer in Neosperience Spa. Il suo compito è di aiutare clienti come Flexform, Prada, Mattel, la Rinascente, Kiko a creare una relazione duratura con i propri clienti attraverso i diversi touchpoint. Molti i premi vinti tra cui il Premio Nazionale Per l’Innovazione 2014, riconoscimento assegnato dalla Presidenza della Repubblica Italiana.

Un cambiamento in corso: una narrazione fatta di interruzioni:

La diffusione dei dispositivi mobili ha modificato in profondità le modalità di approccio alle attività della vita quotidiana. La ricerca di informazioni, l’acquisto di prodotti, l’esperienza di marca: lo smartphone frammenta la giornata e segna il flusso della customer experience.

Per le aziende, identificare e influenzare questi momenti è il punto di partenza necessario per costruire una strategia di digital marketing vincente.

In questo ecosistema plasmato dal digitale, nulla è più sacro del cliente: le persone rappresentano la fonte primaria di successo nel lungo periodo e, al tempo stesso, la ragione ultima della stessa esistenza dei brand. La gestione dell’esperienza diventa, quindi, fondamentale per coinvolgere i clienti. Non si possono dimenticare le persone, perché vengono prima del prodotto e del brand.

Ma cosa significare creare engagement? Come utilizzare i dispositivi mobili per aggiungere valore, evitando invece di aggiungere frammentarietà e inconsistenza?

Possiamo rimuovere o Progettare!

La realtà è che Internet prima e i device mobile poi hanno provocato una mutazione antropologica e sociale, rivoluzionando la modalità di approccio a tutte le attività della vita di ogni giorno. Incluso l’accesso al patrimonio culturale. Ogni singola informazione prodotta è a portata di tap. Lo schermo dello smartphone non solo è diventato il nostro riferimento principale quando abbiamo bisogno di trovare informazioni o di acquistare prodotti; è anche diventato il fattore che scandisce il flusso dell’esperienza.

Dobbiamo imparare a costruire Nuove Narrazioni dove lo smartphone non solo non è un problema ma è un veicolo di esperienza.”

Simonetta de Brumatti, Creative Director – Neosperience Spa

informazioni sul Master in Social media and digital PR, in partenza a Novembre!

3kovra.com.ua/kovrolin/detskii-kovrolin/

http://topobzor.info